È stata un’assemblea non proprio ordinaria quella che si è svolta nell’anno del 110° anniversario de La Mendrisiense. Essa si è infatti tenuta a fine giugno nella particolare cornice del Mercato Coperto che, come è noto, è stato organizzato in modo da poter ospitare riunioni garantendo il rispetto delle regole sanitarie attualmente in vigore. Il presidente Solcà ha dato avvio alla seduta con la marcia Mendrisio in onore delle autorità comunali che sempre hanno dato il loro sostegno alla società. Il sindaco Cavadini, presente insieme ai colleghi Danielli e Caverzasio, ha sottolineato come con la Mendrisiense sia sempre vivo un dialogo proficuo.
Caverzasio, complimentato da Solcà per la prestigiosa elezione a presidente del Gran Consiglio, ha rilevato che in seno alla Mendrisiense si percepisce come il tiro sia una tradizione radicata, menzionando pure l’importanza di trovare nuove leve.
Il presidente ha in seguito ricordato i due soci Ivo Fontana e Franco Pasi, che sono mancati di recente. Durante il suo rapporto egli ha poi elogiato l’attività svolta dai monitori che si occupano di formare giovani e giovanissimi al 300 m e all’aria compressa. Gli obiettivi, sportivi e non, fissati lo scorso anno, in primis la sicurezza, sono stati raggiunti. In particolare vi è stato un notevole aumento di partecipazione al Tiro Federale in Campagna, vera festa popolare del tiro. Solcà ha fatto presente
che il poligono necessita di alcuni importanti lavori di ristrutturazione che debbono essere svolti nel corrente anno, al fine di poter continuare l’attività in sicurezza. È tornato sull’apertura dello stand sotto il “regime Covid” ed ha infine ringraziato i colleghi di comitato e la gerente della buvette Manuela che, con l’aiuto della sorella, contribuisce notevolmente al mantenimento dell’ambiente famigliare che caratterizza la società.
Dopo la lettura delle relazioni tecniche e della relazione finanziaria da parte dei responsabili, Patrick Travella è stato eletto quale nuovo membro di comitato. Gli uscenti Hoehle e Forte hanno ricevuto un sentito ringraziamento per il lavoro che hanno svolto.
Sono poi stati approvati i nuovi statuti sociali.
Al termine dell’assemblea sono pure state consegnate due challenges: l’abilissimo tiratore Simone Aostalli si è aggiudicato definitivamente quella del campionato pistola con tre vittorie consecutive. Altrettanto talentuoso, Giordano Pagani si è invece portato a casa temporaneamente quella del 300 m. Le note dell’inno nazionale hanno marcato il finale dell’assemblea 2020 de La Mendrisiense.
Nadia Pellegrini
10 luglio 2020

Categorie: Press