Care tiratrici, cari tiratori,

da ormai quasi 2 settimane abbiano ripreso la nostra attività di tiro, malgrado le restrizioni imposte dalla situazione.
Il comitato è comunque soddisfatto dell’affluenza allo stand. Meno soddisfatto per gli annunci di collaborazione.
In conseguenza delle decisioni prese nella giornata di ieri dal Consiglio federale, in particolar modo all’allentamento relativo agli assembramenti e alla possibilità per i nonni di accudire i nipoti,  il Comitato ha deciso che da subito viene a cadere l’obbligo di riservazione del bersaglio, e che vengono pure a cadere le finestre riservate agli Over65 e agli Elite. Tutti potranno sparare assieme, sempre rispettando le misure accresciute di distanziamento. Fino a nuovo ordine si continuerà a sparare un bersaglio si, un bersaglio no. La disponibilità dei bersagli sarà segnalata nella zona d’attesa dei 300 m con appositi cartellini da prendere prima di entrare e da restituire alla fine del tiro.
Nel corso di settimana prossima, l’Ufficio federale dello sport e la Federazione Svizzera di Tiro emaneranno le nuove direttive valevoli dall’8 giugno. Non è escluso che si possa tornare a sparare su tutti i bersagli, ma limitando la presenza nello stand ai soli tiratori e ad un paio di monitori. Staremo a vedere.
Per il momento facciamo di nuovo appello ai soci, under 70 e over 18, di mettersi a disposizione quali collaboratori di giornata, per poter gestire il dispositivo COVID-19, che di sicuro sarà ancora in funzione fino ad almeno fine luglio. Chi sarà impiegato potrà in ogni caso sparare a fine mattinata rispettivamente a fine pomeriggio.
Se tutti si mettono a disposizione l’impegno richiesto sarà di una sola mezza giornata sull’arco della stagione.
Per chi non darà la propria disponibilità, a partire dall’8 giugno, non potrà più sparare.
Entro lunedì sarà pubblicato il nuovo calendario. Quale pre-informazione vi comunichiamo che abbiamo pianificato 3 giornate dedicate al Tiro Federale in Campagna. Nell’attesa di vedervi allo stand, vi porgiamo i nostri migliori saluti.

Athos Solcà
Presidente